Come acquistare INT (INT) e ottenere un BONUS di €30

COME ACQUISTARE INT (INT) IN OKEX E OTTENERE UN BONUS DI €30

OKEx è uno dei principali exchange di criptovalute in termini di volume delle transazioni. È lo scambio gemello di OKCoin, ma è rivolto agli investitori più professionali.

OKEx è uno scambio di cripto moneta popolare, anche se controverso, che pone grande enfasi sui derivati quali futures trading. Ha anche un proprio token, OKB. Di seguito esploriamo più in dettaglio come è stato avviato OKEx.

L’investitore Star Xu ha creato lo scambio di criptovaluta OKCoin nel 2013, mirando al mercato cinese. Nel 2014 ha creato OKEx, che si rivolge ai trader più avanzati. Con la posizione intransigente della Cina contro gli scambi di criptovalute che si è ammorbidita un po’ di recente, OKEx si è trasferita in un paese con molte meno normative: Malta. Tuttavia, la società è ufficialmente registrata alle Seychelles.

Come creare un account in OKEx?

Prima di iniziare, assicurati che la tua casella di posta elettronica sia aperta in un’altra finestra. Ciò contribuirà ad accelerare il processo.

Fare clic qui per visitare la home page di OKEx.

Si aprirà una finestra “Registrati” sullo schermo. Sposta il mouse sul campo “Email”, selezionalo e inserisci il tuo indirizzo email.

ENTRA DA QUESTO LINK PER RICEVERE 30$ IN BTC GRATUITI QUANDO TI REGISTRI. CONFERMANDO LA TUA EMAIL, LE RICEVERAI NEL TUO PORTAFOGLIO  :

LINK: https://www.okex.com/join/3027995

Nota: è possibile utilizzare la connessione con un numero di telefono o un indirizzo e-mail. Tuttavia, si consiglia di registrarsi via e-mail in modo che il processo di verifica possa essere completato più rapidamente.

A questo punto ti verrà chiesto di inserire le informazioni come mostrato. Nella seconda riga vedrai il pulsante “Ottieni codice”, qui sto utilizzando il modulo di accesso all’e-mail. Cliccando quindi su “Ottieni il codice”, accedi alla tua posta elettronica, ricevi il codice inviato da OKEx e inserisci il “Codice e-mail” come indicato.

Perché dovresti acquistare INT (INT)

Cos’è INT (INT)?

Il whitepaper di INT è di livello abbastanza alto e tecnico e si basa sulla comprensione della tecnologia da parte del lettore per realizzare le implicazioni della soluzione IoT che offre. Quindi, ho pensato che sarebbe stata una buona idea analizzarlo per il resto di noi che non passerà ore a ricercare cosa significa tutto questo.

Questo articolo non è nello stesso ordine del white paper, ma è riorganizzato in un flusso che ha più senso per me.

La tecnologia Blockchain ha dimostrato il suo valore nella finanza e in altri campi, ma crediamo che il suo miglior utilizzo sia nel campo dell’IoT … Al momento, ci sono diversi problemi con l’attuale sviluppo dell’IoT … Ci sono alcune carenze nel modo altri progetti si sono avvicinati all’implementazione della blockchain nel regno dell’IoT, ovvero il software creato senza pensare all’hardware che deve incorporare, spingendo i produttori all’hardware per attenersi ai progetti software. INT ha adottato l’approccio software progettato tramite hardware. Abilita i dispositivi esistenti e la direzione dell’ecosistema IoT così com’è per definire le basi della rete e, allo stesso tempo, fondersi con le esigenze del futuro ecosistema IoT.

INT si rende conto che per avere successo nel campo dell’IoT, devono essere stabilite alcune soluzioni ai seguenti problemi.

Mancanza di standard   con hardware del dispositivo, protocollo di comunicazione, scambio e archiviazione dei dati. Se non esiste una lingua standard e un’archiviazione dei dati standard, la comunicazione incrociata o l’utilizzo dei dati non sarà possibile. Crea anche la centralizzazione poiché i dati sono ospitati sui server dei produttori.

Inefficienza   nel modo in cui i dispositivi IoT interagiscono con la rete. Negli odierni dispositivi IoT, la connessione e l’autenticazione avvengono tramite sistemi cloud. Questo framework è lento, richiede molte risorse e non soddisferà le esigenze future dei dispositivi IoT.

Il costo   di questo modello con server cloud per i dati, grandi server centralizzati per l’IT e dispositivi di rete è elevato. Con un potenziale di decine di miliardi di dispositivi, questo modello è molto costoso.

La  sicurezza dei  sistemi centralizzati fornisce un singolo punto di errore per grandi quantità di dati mentre il problema della sicurezza interessa l’intera rete.

La   tutela della   privacy   è affidata a sistemi centralizzati. Questi dispositivi trasmetteranno potenzialmente tutte le nostre informazioni private e pertanto dobbiamo applicare rigorosi standard di privacy.

INT utilizza questo come i punti principali da cui cercano di costruire una rete IoT. Da lì, definiscono ulteriormente le qualità che consentirebbero quanto sopra e creeranno una rete IoT a prova di futuro.

Ci saranno una miriade di dispositivi collegati a questa rete, dalle tue lampadine al tuo frigorifero alla tua auto, tutti negoziano autonomamente su una rete in continua crescita insieme, creando un mondo di trasmissione dati trasparente e intelligente. La rete deve essere in grado di supportare un’ampia varietà di usi e applicazioni. I dispositivi devono essere in grado di interagire con i dati, tra loro e con altre reti. La sicurezza della rete deve essere decentralizzata, resistente a intenti dannosi e consentire la scalabilità. Infine, dovrebbe essere facile per produttori e sviluppatori creare dispositivi per la rete.

In sintesi, la fondazione della rete dovrebbe supportare:

-Scalability   – Come  state  voi facendo su scala globale?

-Applicabilità  : hai capacità di trasferimento dati, transazioni veloci ed economiche, contratti intelligenti, privacy?

-Interoperabilità   : puoi comunicare con il mondo esterno, altre blockchain?

-Consenso  : otterrai il consenso in modo da supportare la scalabilità e l’applicabilità?

Capacità di sviluppo   : sarà facile per i produttori sviluppare dispositivi e interagire con la rete?

Per una spiegazione più dettagliata dei punti precedenti, nonché un’analisi comparativa di altri progetti, consulta questo articolo.

In questa struttura, gli usi ei dispositivi, sia esistenti che nel prossimo futuro, sono i punti fondamentali che definiscono i requisiti della rete. In definitiva, avrai successo in questo spazio solo se collabori con i produttori per standardizzare e trovare i requisiti, quindi fai rete per supportarli.

1. Architettura del sistema

INT utilizzerà un framework multi-catena eterogeneo che ha una catena principale, “Thearchy”, che fungerà da punto di ancoraggio, collegando molte sottostringhe e passando informazioni tra loro [Fig. 1].

Ogni sottostringa avrà una funzione specifica, che si tratti di una rete di un tipo di dispositivo specifico, una catena di archiviazione dati senza stato, una sottostringa basata su un contratto intelligente, una sottostringa con transazioni veloci e gratuite, una con transazioni private o qualche altra uso specifico. . Tutti loro potranno comunicare tra loro tramite la catena Thearchy, creando una rete di sottocatene,   una blockchain di blockchain.

Le sottocatene possono anche essere aggiunte alla rete con la semplice aggiunta di nodi per supportarla senza la necessità di fork difficili o costosi aggiornamenti di rete. Ciascuna sotto-catena potrà definire le proprie esigenze e caratteristiche, senza imporre i propri limiti all’intera rete. Questa funzione di aggiunta di sottostringhe consente un ridimensionamento infinito con un carico di rete minimo.

Questo framework consente di aggiungere altre reti alla rete con relativa facilità, sia che si tratti di una blockchain esistente come Bitcoin, Ethereum, Zcash o di altre reti come server di dati o Internet più ampie con l’aggiunta di nodi di inoltro o una sorta di oracolo.

Poiché queste sottocatene funzionano in parallelo con la catena Thearchy, i problemi all’interno di quella rete, come la congestione delle transazioni, sono separati in questa sottocatena senza influenzare l’intera rete.

Il canale Thearchy avrà intrinsecamente pochissime funzionalità. Esisterà principalmente come generatore di blocchi e relè per sottostringhe e comunicazione da catena a catena.

nodi

Ci saranno tre livelli di nodi nella rete, nodi Thearchy (catena principale), Supernodi (non è chiaro in questo momento se i nodi Thearchy (meta) e Supernodi saranno combinati in funzione) e sottocatena, ogni sottocatena nodo che gestisce solo la verifica delle transazioni nella tua catena. Tutti i principali controlli, il consenso su larga scala e la comunicazione da catena a catena saranno gestiti attraverso i livelli di nodo Supernodo e Thearchy [Fig. 2] Pertanto, ogni super-nodo nella rete manterrà una tabella con i servizi software e le specifiche su come interagire con ogni data sottorete mentre funziona come livello di astrazione hardware sottostante. Ciò consentirà ai dispositivi e ai nodi al di fuori di questa sottocatena di interagire con i dispositivi o i servizi in quella sottocatena senza dover essere programmati per farlo per ogni catena o tipo di dispositivo. I traduttori dei dispositivi in ​​questa sottostringa, per così dire.

Questa comunicazione da nodo a nodo può essere la richiesta di potenza di calcolo, dati di rete o dispositivo, l’esecuzione di una transazione o di un contratto intelligente su questa catena o qualche altro servizio in cambio di un pagamento. . Come un mercato di scambio da nodo a nodo.

I nodi possono essere nodi tradizionali in stile server con elevata capacità di calcolo o dispositivi di tipo STM32 come Raspberry Pi o Arduino per una semplice gestione delle transazioni. I nodi del server primario possono essere utilizzati per il cloud computing o l’apprendimento automatico, nonché per verificare le transazioni e coordinare le transazioni cross-chain.

Consenso

Il meccanismo di consenso deve essere in grado di gestire una grande quantità di volume di transazioni da un’ampia varietà di diversi tipi di transazione e quindi non deve essere soggetto agli stessi punti di errore delle attuali strutture di consenso.

Per risolvere questo problema, INT utilizzerà un framework DPoS BFT a due livelli come nucleo del suo nuovo algoritmo di consenso a doppio filamento. Ciò separerà la convalida delle transazioni a livello di sottocatena dal carico computazionale della generazione del blocco e passerà i dati alla catena Thearchy per la creazione del blocco. Ciò consente alle sottostringhe di essere libere dalla creazione di blocchi temporizzati, consentendo prestazioni transazionali fluide.

Man mano che le sottostringhe raccolgono e verificano le transazioni, utilizzando un DPoS BFT più leggero e veloce, vengono passate ai super-nodi, che quindi verificano ulteriormente utilizzando un DPoS BFT più rigoroso all’interno del pool di super-nodi. Una volta codificato il blocco, viene aggiunto alla catena Thearchy e passato alla sottostringa a cui appartiene.

I super-nodi del gruppo di produttori di blocchi saranno votati in un’elezione di massa dagli utenti che metteranno le loro monete come voto di fiducia. Il supernodo selezionato per creare un determinato blocco verrà scelto a caso dal gruppo e verrà premiato per il lavoro svolto. (Ancora da confermare: come è consuetudine in questi framework master/supernode, per incoraggiare la partecipazione e il voto alla rete, gli utenti che votano ricevono una parte della ricompensa del nodo proporzionale alla quantità di monete puntate. Blocca ricompensa per chiunque abbia monete e voti o chi possiede un nodo. Attuali requisiti di accesso al Supernodo e struttura della ricompensa sconosciuti).

È da lì che i super-nodi passeranno le transazioni cross-chain agli altri super-nodi.

Con questo design, la catena Thearchy sarà una blockchain con ogni blocco appartenente a una certa sotto-catena [Fig. 4]. Le transazioni della sottocatena non verranno mescolate in blocchi. Ogni intestazione di blocco avrà un identificatore che specifica a quale sottostringa appartiene. Ciò consentirà ai nodi della sotto-catena di estrarre rapidamente la cronologia delle transazioni della catena Thearchy senza la necessità di memorizzare l’intera blockchain. Ciò riduce drasticamente la capacità di archiviazione necessaria per essere un nodo, aprendo la possibilità ai dispositivi IoT più piccoli di diventare nodi di convalida all’interno della rete.

2. Economia dei token e monetizzazione delle risorse

Economia simbolica

INT sarà una struttura di token a due livelli (come Neo) con il token INT che opera come parte della rete INT. INT non sarà utilizzato nel regolamento della rete IoT, in quanto il regolamento di transazioni o operazioni deve avere un sistema di misurazione del valore stabile per valutare il costo di determinate funzioni. Pertanto, INT utilizzerà un sistema di gas molto simile a Ethereum, che fissa i costi del gas per una determinata funzione e qualsiasi gas precedentemente pagato che viene assegnato come commissione / ricompensa aggiuntiva per il mining (utilizzato come priorità della commissione di transazione). Queste funzioni saranno suddivise nei seguenti gruppi:

Tipo di cartellino del prezzo: paga il prezzo di mercato per la risorsa

Tipo di misurazione: paga in base a tempo, dati o altra misurazione

Tipo di offerta competitiva: utilizzo delle risorse, prezzo in base alla domanda

Costo per acquisto: pagamento in base all’utilizzo finale della risorsa.

Questo sarà ulteriormente suddiviso in queste sezioni in quanto vi saranno complessità nei contratti intelligenti coinvolti nell’esecuzione di queste transazioni.

Informazioni sul lavoro

Non possiamo aggiungere funzionalità ai dispositivi esistenti, ma possiamo creare una rete che supporti e incoraggi la condivisione di dati, dispositivi e risorse.

Data la struttura del consenso, nessun nodo validatore o dispositivo IoT ordinario avrebbe la capacità di generare blocchi e quindi non avrebbe alcun incentivo finanziario a partecipare. Per incoraggiare la condivisione dei dati e la partecipazione dei nodi dei dispositivi IoT sulla rete, INT crea un calcolo delle buste paga indipendente dai tradizionali premi contabili. Attraverso questa struttura del rapporto di lavoro, i dispositivi IoT possono guadagnare uno “stipendio” fornendo dati e funzioni alla rete.

Ciò avverrà in una specifica tipologia di transazione in cui i dispositivi IoT aggregano i dettagli del lavoro svolto in un report periodico inviato ai nodi Thearchy. Entro un determinato periodo di tempo, tutti i dispositivi IoT sulla rete segnalerebbero il lavoro svolto. Questo verrà inserito in un algoritmo di calcolo dello stipendio e genererà un pagamento in base al lavoro svolto su ciascun dispositivo in rete. L’algoritmo sarà ottimizzato in modo iterativo utilizzando le tendenze di apprendimento automatico per combattere la manomissione dei dati.

3. Contratti intelligenti

Ogni sotto-catena ha la capacità di progettare i requisiti della sottorete, dalla variabile di base del tempo di blocco all’esecuzione di contratti intelligenti più complessi. L’utilizzo di un sistema di smart contract completamente basato su macchine virtuali come Ethereum consumerebbe molte risorse e limiterebbe l’usabilità dei dispositivi IoT all’interno di quella rete. Pertanto, INT ha creato la propria architettura di smart contract chiamata INT Contract.

Basati sul noto linguaggio JavaScript leggero, questi contratti intelligenti non richiedono molte risorse, consentendo loro di essere eseguiti direttamente sui sistemi operativi dei dispositivi IoT, rendendoli più applicabili alle esigenze in tempo reale del business. .

Inoltre, essendo basati su JavaScript, i costi di apprendimento e sviluppo associati alla progettazione di questi contratti intelligenti saranno molto inferiori rispetto a un linguaggio più personalizzato.

4. Riservatezza

Per proteggere la privacy degli utenti, utilizzeranno il proprio algoritmo di chiave privata comportamentale (BPK) basato su prove a conoscenza zero. Questi ti consentono di testare qualcosa su un verificatore (nodo) senza dire al verificatore cosa stai testando. Ciò consentirà a te o al nodo di condividere dati o effettuare una transazione senza rivelare chi sei o da dove provengono i dati. Questo sistema BPK utilizzerà anche l’apprendimento non supervisionato, la modellazione della strategia e l’analisi del comportamento di aggregazione per mascherare meglio gli utenti aggregando dati e richieste simili al sistema di firme ad anello utilizzato da Monero.

Questo sistema BPK migliorerà la sicurezza generale impedendo la capacità di altri utenti o malintenzionati di controllare o organizzare l’attacco contro uno specifico utente, dispositivo o gruppo di dispositivi.

5. Interoperabilità e dati del mondo reale

Oracolo

Avere un ecosistema IoT senza la possibilità di utilizzare o interagire con i dati del mondo reale al di fuori della rete paralizza significativamente le capacità della rete. È facile immaginare scenari in cui i contratti intelligenti richiedono dati esterni per soddisfare tutti i termini contrattuali o dispositivi IoT utilizzati per aggiornare siti Web esterni come il meteo o il traffico. Ciò richiede l’uso di uno strumento automatizzato per fungere da trasmettitore di dati affidabile tra Internet e la rete INT da utilizzare nei contratti intelligenti. Questo Oracle deve essere decentralizzato e non dipendere dall’interazione umana, pur essendo in grado di combattere la manomissione dei dati.

La shell INT svilupperà strumenti simili a Oracle che consentiranno ai moduli di contratto intelligente di interrogare software o hardware per i dati al di fuori della rete INT.

Interoperabilità

L’interoperabilità definisce la capacità di ciascuna rete di sottocatena di interagire con altre reti di sottocatena. All’interno della rete INT, le sottocatene possono definire i propri asset/token da utilizzare in questa sottorete. Potrebbe essere un token di scambio di valore come Bitcoin o Zcash o un token proprietario che si applicherebbe alle risorse / dispositivi in ​​questa rete di sottocatena. Potrebbe esserci uno scenario in cui vuoi vendere i tuoi dati in una sottostringa e essere pagato in un’altra tramite valuta privata e anonima, o forse un contratto intelligente basato sui dati di più sottostringhe.

Il protocollo di interoperabilità inter-catena di INT sarà definito in due parti: il protocollo di scambio di risorse inter-catena e il protocollo di transazione distribuita inter-catena.

Scambio di asset cross-chain: simile a quello che molti chiamano “swap atomici”, lo scambio di asset cross-chain consentirà una transazione su una catena per facilitare una transazione su un’altra. Potrebbe trattarsi di una semplice lettura di un dispositivo IoT che attiva un altro dispositivo su un’altra sottostringa, uno scambio token-to-token (es. Bitcoin per Zcash), dati su una stringa per token su un altro (ovvero vendere dati su un canale per pagare in un altro) , trasferimento della proprietà dell’asset per il pagamento o qualsiasi transazione tra 2 sottostringhe. Queste transazioni possono essere effettuate tra sottostringhe all’interno della rete INT o tramite una sottostringa verso la rete esterna (Bitcoin, Ethereum, Zcash, ecc.) utilizzando i nodi di inoltro INT.

Protocollo di transazione distribuito cross-chain – Questo è l’uso di più sottostringhe che contribuiscono alle fasi di uno smart contract. È un’estensione del protocollo Asset Exchange in cui una singola transazione viene sostituita da un contratto intelligente che richiede l’inserimento di diverse altre sottostringhe per l’esecuzione. Questo è ciò che consentirà un’azione basata su IoT su larga scala in scenari del mondo reale, ad esempio, il GPS della tua auto indica quando stai tornando a casa, i sensori di temperatura nella tua casa attivano l’accensione del tuo riscaldamento allo stesso tempo. alle intemperie e accendi il bollitore per avere l’acqua pronta quando torni a casa.

6. Protocollo di comunicazione

L’architettura INT P2P utilizzerà   DHT   per organizzare i nodi di rete e utilizzerà sia   TCP/IP   che   UDP/IP   come base dei propri protocolli di comunicazione. Ciò consentirà ai dispositivi IoT di integrarsi perfettamente nella rete INT, anche in ambienti altamente mobili o scarsamente connessi.

Le   reti   DHT   sono reti decentralizzate di tabelle hash distribuite. Questi vengono utilizzati come tabelle di ricerca di coppie di chiavi in ​​modo che i nodi possano recuperare in modo efficiente i valori associati a una determinata chiave. Questo può essere utilizzato per mantenere un elenco di indirizzi di nodi e chiavi pubbliche (nodi Thearchy, super nodi), dispositivi IoT e relative chiavi associate, nonché file system distribuiti e scambio di informazioni. Sarà la pietra angolare della rete di nodi e il trasferimento delle informazioni del dispositivo IoT.

TCP/IP   e UDP/IP sono entrambi protocolli utilizzati per inviare pacchetti di dati su Internet. TCP è il protocollo più utilizzato su Internet e riguarda l’affidabilità della trasmissione dei dati. Si basa su un sistema di handshake e controllo degli errori a scapito della complessità e dei noiosi controlli per la connessione e la validità dei dati. Questo è molto utile in molti casi, ma causa problemi quando si opera con dispositivi altamente mobili che si collegano alla rete (telefoni, veicoli) e dispositivi in ​​ambienti con scarsa connessione.

UDP   è un protocollo molto più leggero, che utilizza lo stesso pacchetto di dati ma elimina tutti i controlli di errore e le comunicazioni di andata e ritorno a favore di un singolo chip di dati per il nodo. Non c’è nessun controllo per vedere se stai ascoltando o se lo hai ricevuto. Se il nodo lo perde, il dispositivo non lo inoltrerà, invierà solo il pacchetto successivo e così via. È meglio per cose come feed live e letture di dati ad alto volume (più transazioni al minuto) in cui le informazioni mancanti non hanno un impatto enorme.

L’integrazione dei due protocolli consentirà a tutti i dispositivi di comunicare con la rete e di passare senza problemi tra i protocolli più adatti allo scopo attuale.

In uno degli ultimi aggiornamenti settimanali, hanno anche accennato alle reti mobili ad hoc (MANET). MANET è una rete di dispositivi mobili senza infrastruttura che si autoconfigura e si connette continuamente in modalità wireless. È molto più complesso delle reti precedenti in cui ogni dispositivo ha un percorso definito per trasportare i dati. In un MANET, ogni dispositivo deve veicolare traffico estraneo al proprio utilizzo e quindi fungere da router per i dispositivi ad esso collegati. Queste reti possono funzionare da sole o essere connesse a Internet.

7. DAPP

Con la crescita dei dispositivi IoT in progressione geometrica, nonché il miglioramento del livello di intelligenza delle macchine, ci sarà un numero crescente di DAPP IoT operanti automaticamente da installare su dispositivi intelligenti e in tempo reale, uno scambio automatico di dati credibili e dati automatici. La transazione sarà implementata tra macchine e tra uomo e macchina tramite DAPP IoT distribuite.

Le DAPP INT saranno essenzialmente raccolte standardizzate di contratti intelligenti cross-chain configurati per eseguire funzioni specifiche. I produttori possono creare queste DAPP per facilitare azioni IoT causa-effetto più complesse senza la necessità di interazione umana o elaborazione centralizzata. Questi possono anche utilizzare la rete di nodi come rete di computer per l’elaborazione dei dati e il processo decisionale intelligente basato su dati IoT in tempo reale. Queste DAPP raggiungeranno una capacità infinita man mano che la rete cresce e sempre più dispositivi IoT sono sulla rete.

In questo articolo, abbiamo imparato come comprare INT (INT):

Come acquistare INT (INT) Italia

Come acquistare INT (INT) Svizzera

Come acquistare INT (INT) San Marino

Come acquistare INT (INT) Monaco

Come acquistare INT (INT) Stato della Città del Vaticano